Utilizzando questo sito web, acconsenti all'utilizzo di cookie. Per saperne di piu'

OK

La maestra racconta

Oggi vi voglio raccontare un'esperienza che i bambini mezzani hanno fatto in questi ultimi mesi e la soddisfazione che abbiamo avuto nel raccogliere ciò che si è seminato. Tutto ha avuto inizio circa due mesi fa, quando una mattina in classe abbiamo voluto provare a mettere in un bicchiere con acqua e cotone alcuni fagioli e lenticchie. Nel giro di poco tempo sono germogliati: sotto spuntavano le radici e sopra cresceva la piantina. Quando abbiamo capito che ormai il cotone non bastava più, abbiamo trapiantato le nostre piantine in una vasca grande contenente la terra del nostro orto, preoccupandoci di andare a vedere tutti i giorni se avessero bisogno di acqua. Nel frattempo ci siamo chiesti: se un fagiolo e una lenticchia sono cresciuti così tanto, allora possiamo provare anche con altri semi piccoli, per esempio l'insalata. Chissà cosa accadrà? Cresceranno anche loro? Resisteranno al freddo della notte? E se i gatti ci fanno i dispetti? Un bambino mi dice che a casa sua il nonno, per aiutarli a resistere e per ripararli dal freddo, usa un telo grande per coprire l'orto. Io subito colgo la palla al balzo e procuro del cellophane. Insieme ai bambini tutti i giorni usciamo a coprire le vasche prima di andare a casa e riscoprirle la mattina quando arriviamo a scuola. La cura è quotidiana: ci siamo abituati a muoverci insieme senza rimanere indietro o lontani dalla maestra, abbiamo collaborato aiutandoci a portare la canna dell'acqua, abbiamo tenuto pulito l'orto strappando le erbacce, abbiamo scoperto che scavando la terra ci sono dei simpatici abitanti, i lombrichi, utili per rendere il terreno fertile. Inoltre creando una semplice serra, spinti dal desiderio di coltivare, abbiamo tentato di curare la crescita di alcune piantine di zucchine e melanzane. Che meraviglia: abbiamo scoperto che sotto il fiore poi cresce la zucchina! Insomma, la nostra tenacia è stata premiata! Oggi abbiamo fatto il nostro primo raccolto: un'insalata buonissima, tenera e gustosa ha arricchito la nostra tavola! Che gioia, che soddisfazione. Ora ripianteremo altra insalata, partendo non più dai semi, ma dalle piantine e per farle compagnia vicino le metteremo qualche piantina di pomodori. Siamo ormai lanciati in questa impresa di piccoli coltivatori. Un bimbo questa mattina ha detto mentre si raccoglieva l'insalata: "Ma pensa cosa può fare un seme così piccolo!".                                           Marzia

 

 

Moon and stars

" Allora ne fece una palla rotonda, lucente, perfetta, poi la lanciò nel cielo e la fermò....aggiunse un'ultima spruzzatina di luce...., quindi soffio' via le briciole che erano rimaste sul tavolo e così nacquero le stelle."" Le stelle sono belle perché sono tante, ma lei è bella perché è una, perciò la chiamerò L'UNA".

(G. Pizzol)

I bambini mezzani, durante la proposta di inglese, hanno trovato una gustosa sorpresa in una stanza buia della scuola: una torta a forma di luna! Che buona!!!Poi hanno fatto loro i pasticceri: hanno impastato dei buonissimi biscotti di pasta frolla a forma di luna e stelline!

Alla scoperta della primavera

Con occhi, naso, mani e piedi siamo andati alla scoperta di colori, profumi e sensazione che lprimavera ha regalato alla nostra scuola  

Easter Bunny

Scopriamo con la nostra insegnante di Inglese una tradizione anglosassone: l' "Easter Bunny". Alcuni indizi fotografici ci hanno condotti in una una vera e propria caccia alle uova tra gli spazi della nostra scuola.  E alla fine, nascosto tra i cespugli, Easter Bunny ci ha lasciato un cestino pieno di uova di cioccolato! Una vera delizia!

 

Pronti...partenza...VIA!

E’ partito il progetto proposto da Atalanta BC, rivolto a tutti i bambini della Scuola dell’Infanzia. Le proposte ludiche, di tipo multisensoriale, hanno come obiettivi l’acquisizione e la diffusione di una cultura motoria e sportiva.

I giochi proposti permettono di lavorare sulla globalità dei bambini, affinchè sperimentino il piacere di star bene con se stessi e con gli altri. Muovendosi, infatti, hanno la possibilità di affinare gli schemi motori di base, di mettersi alla prova, di migliorarsi… ma soprattutto di divertirsi. Il progetto è condiviso con le insegnanti, poichè la cooperazione tra più figure educative è occasione di confronto, crescita e arricchimento reciproco.

Il nostro bellissimo campo esterno si trasforma per dare vita a giochi divertenti con materiali semplici e con tanta fantasia.

I bambini non vedono l’ora di incontrare Michele e Mattia… chissà che gioco ci hanno preparato questa volta!

Un dono semplice per Gesù bambino

A seguito della gita a Olera i bambini mezzani hanno sperimentato a scuola la tecnica " felting" o " fulling", utilizzata per infeltrire la lana e ottenere un materiale compatto e morbido.

Mentre i bambini infeltrivano la lana, si sono divertiti a unire i propri pezzetti a quelli dei compagni vicini. E’ nata così l'idea di regalare a Gesù Bambino una copertina calda, il giorno del Presepe Vivente. Il profumo del sapone ha riempito la stanza e i bambini, con le mani insaponate, non volevano mai smettere di giocare. Qualcuno al termine si è divertito anche a fare le bolle di sapone.

L'esperienza è stata coinvolgente dal punto di vista sensoriale (tatto, vista e olfatto) e creativo.

Giocando con la lana i bambini hanno provato su se stessi come la lana sia calda e morbida. Qualcuno giocava come se fosse neve lanciandola ai compagni, altri invece si sono lasciati cullare fino ad addormentarsi. " E’ come fare le coccole con la mamma".

Face and body collages

Si è appena concluso il percorso in lingua inglese con i bambini di 5 anni sul corpo.
Tra i diversi laboratori, i bambini si sono divertiti a creare degli autoritratti, viso e figura intera, con la tecnica del collage, prendendo spunto da grandi artisti del passato, come Picasso.

Guardiamo il mondo dall’alto… proprio come le rondini

A.S. 2016/2017

"Quando si vede il mondo dall'alto si trova tutto: è come stare affacciati a una finestra infinita... io mi fermo lassù e conto gli alberi, le case, i laghi...tutto quello che si può contare.
(…) Il volo delle rondini, il più bel volo del mondo: guizzi, picchiate, discese e risalite, curve acrobatiche".

Da "Il volo delle rondini”
Pizzol

Questa mattina i bambini mezzani con le loro maestre sono saliti a piedi fin sulle mura di Città Alta.
" Maestra, arriviamo fin su dove c'è la bandiera?"
"Il fumo è lontano e là, dove c'è il fumo, le case sono piccole piccole".
"Si vede il campo della nostra scuola".
"Anche i ragazzi che giocano!"

Una festa speciale!

A.S.2016/2017

MA QUANTE BELLE NONNE MADAMADORÈ
MA QUANTE BELLE NONNE
 
CON LORO ANCHE I NONNI MADAMADORÈ
CON LORO ANCHE I NONNI
 
SON CARI E ME LI,TENGO MADAMADORÈ
SON CARI E ME LI TENGO
 
LI VOGLIO ABBRACCIARE MADAMADORÈ
LI VOGLIO ABBRACCIARE
 
E POI INCORONARE MADAMADORÈ
E POI INCORONARE
 
PER NON DIMENTICARE MADAMADORÈ
PER NON DIMENTICARE
 
IL LORO GRANDE AMORE MADAMADORÈ
IL LORO GRANDE AMORE.

Un simpatico ortaggio da scoprire

In questi giorni abbiamo raccolto i ravanelli, quanti!!! Alcuni li abbiamo lasciati crescere ancora perché non erano pronti. Quelli raccolti li abbiamo portati a casa..."

Chissà quali piatti sfiziosi avranno preparato le mamme dei piccoli, per gustare insieme questa crucifera, frutto del loro paziente lavoro?!

A piedi nudi

In questi giorni i bambini di tre anni sono andati nel giardino della scuola ad esplorare in particolare la terra e l'erba...qualcuno ha detto che la terra era fredda, qualcuno dura, altri hanno scoperto che l'erba fa solletico e che la terra bagnata é morbida...

E poi … E’ primavera!

E poi é primavera" é il libro che in questi giorni accompagna i bambini piccoli e dell'asilo dei due anni alla scoperta della natura che si sveglia, dei colori della terra, delle sue sfumature.

Oggi i bambini si sono divertiti a colorare su tela lasciando le impronte dei piedi a ritmo di musica...che stupore scoprire le proprie tracce!

Un'esperienza da rigiocare!

Nel percorso “Il grande viaggio” i bambini piccoli hanno avuto la possibilità di "rigiocare" il tema del treno in più contesti e con diversi strumenti.
Grazie all’utilizzo di materiale destrutturato hanno messo in atto strategie proprie per sviluppare ciò che hanno appreso attraverso vissuti, racconti, canzoni!

L’esplosione lentissima di un seme

Educare è come seminare: il frutto non è garantito e non è immediato, ma se non si semina è certo che non ci sarà raccolto.

(Carlo Maria Martini)

Pasta e fagioli

Il nostro amico Lupo è ghiotto di pasta e fagioli.
Così decidiamo di prepararla a scuola.

Ecco la ricetta

 

Il nostro amico Lupo

è ghiotto di pasta e fagioli.

  così decidiamo di prepararla a scuola.

Carnevale 2016

Il carnevale delle emozioni...

Il pastore Emanuele

Dicembre 2015

Il racconto di una mamma

... e così iniziò questa mattinata speciale...il sole, un bel gruppo di bambini ben coperti, le loro maestre, io e altre mamme pronte a conoscere il pastore Emanuele e il suo gregge di settecento pecore. Man mano ci avvicinavamo alla meta, la nebbia si faceva sempre più fitta, ma il gregge ci stava aspettando. Eccoci arrivati! La gioia di abbracciare un agnellino era tanta, così come di accarezzare il pelo morbido della pecora riccia, di quella nera e del suo cucciolo. Quanta tenerezza! Ma perché le pecore scappano? Il pastore ci ha detto che siamo in tanti e se ci avviciniamo loro si allontano, se stiamo fermi forse si avvicinano...Beh poco importa, è arrivato il loro amico asinello a salutarci, (sarà stato l'asinello che porterà i doni di Santa Lucia o l'asinello della mangiatoia?) Con questo sguardo così dolce non vedeva l'ora di conoscerci tutti. E cosa c'è di più bello che salire sulla sua groppa? Evviva!!! Così, ho tenuto stretto a me l'asinello e ho avuto la gioia di vedere il sorriso di ciascun bimbo sopra di lui. Un'esperienza semplice, pura, divertente, in mezzo alla natura, per conoscere il pastore e le sue pecore, proprio quelli che andarono in adorazione nella capanna di Gesù.

Delia

E’ arrivata Santa Lucia!

Dicembre 2015

Che bella l’attesa … si respira aria di festa! Venerdì i bambini con le proprie maestre hanno preparato fieno, latte, pane secco, mandarini e carote per Santa Lucia e il suo asinello.

Il lunedì con grande stupore hanno trovato una stradina dorata … cammina cammina abbiamo scoperto che l’asinello aveva lasciato solo le briciole del panino e il fieno sparpagliato dappertutto. La Santa Lucia però aveva lasciato per tutti delle piccole sorprese. Grazie Santa Lucia!

English... Everyone, everyday !

Novembre 2015

Hello,
my name is Shara Aquino, I am a bilingual English Teacher for nursery classes at Imiberg.
Here is what I do with children at school:
We dance, sing, read books and have lunch together.
Through art we learn colours, experience emotions, we play with and get to know our body…
While playing and acting on everyday things we learn new words and the pleasure of learning a foreign language.
This is how English is possibile …for EVERYONE, EVERYDAY!

 

 

Festa dell'accoglienza

Ottobre 2015

 

La festa dell’accoglienza è un momento speciale: festeggiamo tutti i bambini nuovi che hanno concluso il percorso dell’inserimento, ma anche i bambini grandi e mezzani che hanno compiuto un importante passo di crescita.

 

Ogni fascia d’età ha preparato una sorpresa, che ha concluso il percorso vissuto ed è stata presentata in teatro come dono per i compagni.

 

I bambini grandi ci hanno raccontato la storia “Un colore tutto mio”, arricchita con elementi nuovi che hanno scoperto esplorando la scuola (la foglia di basilico, le bacche, il pomodoro…). Hanno anche giocato con le parole e le rime, inventando due filastrocche.

 

I bambini mezzani hanno drammatizzano la storia dei loro colori. Ogni bambino ha scelto il proprio colore preferito e con materiali diversificati ha realizzato la propria tavola. Dopo aver giocato a far incontrare i colori, le tavole sono stare accostate ed hanno creato un mosaico. I 7 colori (arancione, verde, fucsia-rosa, nero-grigio, rosso, blu e azzurro) sono stati proiettati ed i bambini hanno associato significati, movimenti e gesti. La storia è stata arricchita con sottofondi musicali che corrispondevano alle descrizioni dei bambini.

 

I bambini piccoli hanno scoperto di avere un colore preferito. Ognuno ha dipinto una maglietta bianca portata da casa con le tempere e l'utilizzo del rullo di spugna. Nella rappresentazione ognuno ha indossato la propria maglietta e tutti insieme hanno cantato e mimato la canzone "il nostro amico camaleonte" inventata insieme alle insegnanti.

 

Anche i nostri amici della sezione arcobaleno sono saliti sul palco, e tutti insieme abbiamo cantato la canzone “I colori sono belli”.

 

E, per concludere, abbiamo pranzato in classe condividendo un pranzo speciale, dei buonissimi dolci e tanta allegria!

Durante la settimana ogni bambino aveva impreziosito con un fiocco il proprio camaleonte e al termine della giornata lo ha portato a casa… un dono che ricorda tanti giochi e scoperte fatte con le maestre e gli amici!

La stanza del vissuto

Ottobre 2015

Entriamo con tutto il corpo nel rosso, nel giallo, nel verde e nell’arancione. Ci possiamo nascondere, cercare, trovare, mimetizzare, trasformare… Un gioco divertente da vivere con la maestra e gli amici!

 

Il Camaleonte

Settembre 2015

I CAMALEONTI trasparenti, che ogni bambino ha ricevuto dopo la drammatizzazione della storia in teatro, sono diventati amici inseparabili per scoprire se stessi, i compagni, le maestre, gli spazi…